Progettazione di Turbomacchine per l’Energia e la Propulsione

DIME - sez. MASET
Via Montallegro 1
16145 Genova

Il laboratorio raccoglie l’esperienza, maturata negli anni presso il Dime, nel campo della progettazione e dell’analisi delle turbomacchine, in relazione alle loro specifiche applicazioni per la produzione di energia e per la propulsione.
L’attività ha preso origine fin dagli anni in cui il Gruppo Termofluidodinamica delle Turbomacchine del CNR proponeva e sviluppava a livello nazionale la ricerca nel campo della fluidodinamica numerica per le turbomacchine, con la responsabilità diretta dei docenti del Dipartimento e con il concorso di competenze e di esperienze d’avanguardia di Istituti universitari e di primarie Aziende del settore.
Grazie a questa esperienza il laboratorio ha messo a punto, tra i primi in Italia, risolutori 3D delle equazioni di Navier Stokes per il calcolo delle schiere di pale di turbomacchina ed ha sviluppato procedure originali per il calcolo delle prestazioni di differenti tipologie di turbomacchine industriali, verificandone la validità e l’affidabilità per confronto con rilevamenti sperimentali, spesso condotti in proprio nel laboratorio del Dipartimento.
Il laboratorio è dotato oggi di diverse postazioni di calcolo modernamente attrezzate ed adeguate alle esigenze crescenti imposte dagli attuali risolutori e dalla necessità di poterli impiegare con reticoli di calcolo localmente molto fitti e di poter disporre di cluster ben articolati e di processori molto veloci forniti di ampia capacità di memoria. In particolare il laboratorio dispone di quattro macchine che insieme costituiscono un cluster di 36 processori e 156 Gb di RAM e di ulteriori cinque postazioni di lavoro indipendenti.
Il laboratorio dispone di:
- codici semplificati che richiedono limitate informazioni geometriche nella verifica o che consentono di definire i parametri geometrici principali di un progetto preliminare;
- codici semiempirici duct-flow e through-flow, dotati delle correlazioni più affidabili per la stima delle perdite di energia meccanica e dell’angolo del flusso;
- codici viscosi bi e tridimensionali che risolvono le equazioni di Navier Stokes per le schiere di pale bidimensionali o tridimensionali e per il flusso meridiano assialsimmetrico;
- codici commerciali CFD per la simulazione di turbomacchine ed impianti.